MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DI PRATICHE NECESSARIE PER L'ORGANIZZAZIONE DI MANIFESTAZIONI TEMPORANEE (sagre, eventi, chioschi, ecc.)
31/10/2016
NUOVE MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLE PRATICHE NECESSARIE PER L'ORGANIZZAZIONE DI MANIFESTAZIONI TEMPORANEE (sagre, eventi, chioschi, ecc.)

La Deliberazione della Giunta regionale 13 maggio 2016, n. 815 avente per oggetto “Linee guida applicative del Regolamento (CE) n. 852/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio sull’igiene dei prodotti alimentari. Indicazioni operative aggiornate”, stabilisce che le manifestazioni a carattere temporaneo soggette a SCIA o comunicazione al Comune ai sensi di specifiche norme di settore (es.: fiere, sagre, eventi) nelle quali vengono svolte anche preparazione / somministrazione /vendita di alimenti, sono soggette a comunicazione da presentare, prima dell’inizio della manifestazione, allo SUAP competente, il quale controlla automaticamente tramite il portale la completezza formale della documentazione e la inoltra all’Azienda per l’Assistenza Sanitaria competente. La ricevuta di avvenuta consegna trasmessa dallo SUAP consente di iniziare l’attività e va conservata con copia della comunicazione.
Di conseguenza dal 1 luglio 2016 non possono essere presentati modelli cartacei al Comune o all’Azienda Servizi Sanitari.
Si comunica pertanto che, in applicazione della vigente normativa regionale in materia, anche le Segnalazioni Certificate di Inizio Attività (SCIA) da presentare al Comune per l’organizzazione di manifestazioni temporanee con o senza pubblico spettacolo o con la somministrazione di alimenti e bevande, nonché manifestazioni di sorte (lotterie, pesche di beneficenza, ecc.) dovranno essere presentate per via telematica  a mezzo del Portale SUAP della Regione Friuli Venezia Giulia all’indirizzo internet http://suap.regione.fvg.it (accessibile anche da questo sito cliccando sul link Sportello Unico Attività Produttive posto sulla colonna di destra della home)
Per effettuare ciò, è necessario essere in possesso della firma digitale, è possibile ovviare all'assenza di firma digitale conferendo, in fase di compilazione dell’atto, una “procura speciale” ad un terzo, detto procuratore: il procuratore è un intermediario che agisce in rappresentanza del soggetto delegante (o anche di più soggetti deleganti, come nel caso di più intestatari di una pratica edilizia), come previsto dall'art. 38 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445; è un soggetto in possesso di dispositivo di firma digitale, che effettuerà l'invio della pratica.
 Le modalità di compilazione e di invio delle pratiche sono visibili e scaricabili cliccando sul tasto “guida alla compilazione telematica” posto a destra, inoltre, cliccando sulla scritta CONTATTI (posta sulla colonna di destra) si potranno reperire numeri telefonici ed indirizzi e-mail ove richiedere assistenza ed informazioni.